Archeologia Etrusca, Romana e Medievale

Oltre 3000 anni di storia sotto il pavimento trasparente

Albergo Diffuso Volterra sorge su uno dei ritrovamenti archeologici più importanti del centro di Volterra. La scoperta risale al 2001, anno in cui la famiglia proprietaria dei locali da molte generazioni, iniziò i lavori di ristrutturazione. Una lunga campagna di scavi ha permesso di riportare alla luce importanti resti archeologici. La successiva installazione di un pavimento in cristallo trasparente permette oggi di vedere questi incredibili ritrovamenti. All’interno sono visibili una cinta muraria etrusca, una parte della principale Via Etrusca d’ingresso alla città, un pozzo etrusco profondo 7 metri, una strada romana ed una pavimentazione medievale.

Cinta Muraria Etrusca

All’ingresso della Hall appare alla vista un imponente cinta muraria che attraversa il locale, composta da pietre di grandi dimensioni. Queste pietre delimitavano il lato destro dell’antica Via d’ingresso principale alla Città Etrusca, l’originale Via Porta all’Arco. Le pietre formano una muraria alta circa 1,5 metri. In fondo è possibile vedere l’antica strada dove circa 3000 anni fa il popolo Etrusco camminava. In epoca medievale, oltre 1000 anni dopo la civiltà Etrusca, l’antica strada venne utilizzata per poggiare le fondamenta della costruzione dell’attuale palazzo. Sulla destra la muraria si interrompe con l’ingresso originario della casa medievale.

Etruscan Via Porta all'Arco

Pozzo Etrusco

Al centro della Hall si apre alla vista  uno straordinario pozzo d’acqua di sorgente, anch’esso risalente alla civiltà etrusca. Si tratta di un’opera di architettura perfetta. Nella parte più alta ha un imponente scavo nella pietra perfettamente circolare profondo circa un metro che apre ad un secondo scavo profondo circa 6 metri. La forma si allarga progressivamente fino ad arrivare ad un diametro di  2 metri. Nella parte più profonda sono visibili delle insenature ai lati, dei veri e propri “tunnel cattura acqua”. Ancora oggi, quasi ogni anno, nel pozzo appare l’acqua. Arriva dalle insenature, talvolta anche con molta pressione. Negli anni abbiamo constatato che l’arrivo dell’acqua nel pozzo avviene in periodi meno piovosi.

Pozzo Etrusco

Lastricato Romano

Sul lato sinistro della Hall si possono vedere delle grandi pietre poste in orizzontale che delineano un lastricato. Si tratta di un’antica strada romana proveniente dalla parte più alta della città che terminava al pozzo etrusco. Durante gli scavi archeologici in questa parte del pavimento sono stati rinvenuti notevoli quantità di monete romane. Gli archeologi hanno pertanto avanzato la possibilità che in epoca romana l’area circostante il pozzo etrusco fosse un luogo di scambio economico. Teoria avvalorata anche dalle grandi dimensioni della strada, che permettevano l’arrivo di cavalli e carri.

Casa Medievale

Lungo il lato destro della Hall, nella parete opposta a quella dove termina la strada romana, è visibile una parte dell’originale pavimentazione della casa medievale. L’ingresso alla casa è delimitato da tre grandi pietre che formano due angoli retti (che interrompe di fatto la cinta muraria etrusca), il pavimento della da un lastricato in mattoni che si dilunga lungo la parete. La superficie del pavimento originario è posto ad appena 50 centimetri di profondità dall’attuale. Un altro ritrovamento medievale è la cornice superficiale del pozzo etrusco, anch’essa fatta in mattoni. La casa medievale è attualmente visibile in superficie. Le pareti in pietra ed i soffitti a volta, sia a crociera che a botte, sono infatti costruzioni originali risalenti al medioevo.

Medieval Pavement